Siete qui: Home » Arte e cultura » Chianti Classico: ProgettArte inverno

Chianti Classico: ProgettArte inverno

di Stefania Pianigiani – Dopo il successo della stagione estiva, dedicato alla scultura, Augusto Bianciardi e la sua “Galleria d’Arte Contemporanea”, tornano all’attacco con “ProgettArte” dedicato interamente alla fotografia. Nello splendido scenario dell’”Ex CantineRicasoli, a Gaiole in Chianti (Si), completamente ristrutturate, tre grandi fotografi del territorio, allestiscono, la loro nuova collezione di immagini.

Gli artisti coinvolti sono Gian Luigi Scarfiotti, Lorenzo Minucci e Antonio Carloni. Ad essi, proseguendo nell’intento programmatico che prendeva spunto dal concetto di “Habitat”, sono stati indicati luoghi pubblici di aggregazione e di evidente valore sociale testimoni del vissuto della comunità: l’asilo, la biblioteca, la palestra.
Chiedendo loro di esprimersi e dialogare con essi credo che abbiano compiuto una operazione di arricchimento fornendo nuovi stimoli con considerazioni evidentemente espresse attraverso le immagini fotografiche. Il risultato apparirà subito chiaro allo spettatore che vorrà visitare la mostra che, in occasione dell’ inaugurazione, sarà allestita nelle sale del complesso delle ”Ex Cantine Ricasoli”, di seguito le opere prenderanno posto all’interno delle strutture per le quali sono nate.

Gian Luigi Scarfiotti esprime il concetto di “Orizzonti” attraverso immagini presentate come visioni e vedute che anelano al futuro e all’infinite possibilità del viaggio e dei sentieri che vi conducono. Quale miglior stimolo e augurio per i frequentatori dell’Asilo.

A duecento anni dalla prima pubblicazione delle favole dei fratelli Grimm, Lorenzo Minucci presenta delle trasposizioni iconografiche, immuni dalla “disneyficazione”, fedeli all’originalità del testo.Per gli spazi della Biblioteca realizza un ulteriore analisi proponendo altresì una dilatazione temporale degli eventi e modificandone conseguentemente la morale finale.

“Peristalsi” è il titolo riassuntivo che Antonio Carloni ha scelto in relazione alla Palestra. Il movimento, l’uso dei colori primari e l’attenzione per il proprio corpo sono i temi principali. Foto, video ed installazioni realizzate come un environment obbligano all’interazione con le opere facendo dello spettatore il protagonista di un esperienza coinvolgente non soltanto dal punto di vista concettuale ma anche fisico.


© 2011 Powered By Odienne snc

Scroll to top