Siete qui: Home » Arezzo » Extra vergine d’oliva toscano: fra eventi e qualità

Extra vergine d’oliva toscano: fra eventi e qualità

di Nadia Fondelli – L’autunno in Toscana dopo le grandi fatiche della vendemmia è stagione di grandi frutti della terra: castagne, tartufo e olio extra vergine d’oliva.
L’olivo è uno dei simboli stessi del paesaggio toscano, insieme ai cipressi e alle dolci colline. E proprio in questi giorni in cui nelle campagne è iniziata la raccolta e la frangitura delle olive, un rito antichissimo che si ripete da migliaia di anni, nei borghi antichi si celebra con feste ad hoc questo grande prodotto.
Fino a dicembre moltissime sono le occasioni di festa in Toscana per celebrare la raccolta dei frutti di questo albero.

Grande evento quello che si celebrerà nelle Crete Senesi, a San Quirico d’Orcia, dove nasce uno degli extravergine più ricercati della Toscana, realizzato ancora oggi con le macine in pietra. Dal 5 all’8 dicembre si potranno gustare insieme all’olio tutte le specialità locali: dalla carne chianina autentica ai formaggi. Per chi lo vorrà l’occasione è ghiotta per iscriversi a corsi di degustazione, fare trekking negli oliveti, ascoltare musica e i curiosi spettacoli degli artisti di strada. E domenica 8 dicembre, chi riuscirà a prenotare potrà arrivare nel borgo con lo storico Treno Natura, in partenza da Siena, e godersi i panorami mozzafiato della Valdorcia a bordo delle carrozze d’epoca.
Oro verde protagonista anche sul Monte Amiata, dove con la prima neve della sttagione arrivano anche le degustazioni di prodotti a chilometri zero, le sfide culinarie tra chef della zona e gli assaggi di olio nuovo a Semproniano il weekend del 23 e 24 novembre.

Ma come sarà l’extra vergine d’oliva toscano 2013?
Qualita’ superba e raccolto generoso in poche parole, finalmente aggiungiamo… dopo due annate inferiori alle aspettative, i primi dati (quantitativi) di questa nuova stagione confermano le previsioni di una produzione medio-buona che si aggirerà intorno ai 160.000 quintali con un aumento, se pur disomogeneo, tra il 5% ed il 10%.
La produzione potenzialmente certificabile come olio Toscano Igp, la principale denominazione d’origine a livello nazionale con oltre 11mila soci, potrebbe raggiungere il 45% (produzione con tracciabilità), mentre il prodotto effettivamente controllato e certificato si stima raggiungerà i 35-40.000 quintali.
A confermare la buona annata per l’olivicoltura sono Coldiretti Toscana e Consorzio di Tutela per l’Olio Toscano Igp nel corso dell’apertura ufficiale della stagione olivicola 2013 che si e’ tenuta al Podere Carrai a Traquanda (Siena) con l’assaggio del primo olio dell’anno.
L’abbondante fioritura della passata primavera, malgrado sia stata seguita da abbondanti piogge, ha dato – analizzano Coldiretti e Consorzio Tutela Olio Toscano Igp – una buona allegazione e attualmente possiamo osservare una maturazione leggermente in ritardo rispetto agli anni precedenti.
”Grazie alle favorevoli condizioni meteo l’olio sarà di ottima qualità sia sotto il profilo dell’acidità che delle caratteristiche organolettiche”, afferma Coldiretti Toscana.
E allora ancora pochi giorni e poi potremo tutti portare sulle nostre tavole il pregiato oro verde toscano.


© 2011 Powered By Odienne snc

Scroll to top