Firenze: nell’anno del mondiale bici in mostra

Scritto da

19 July 2013

di Simone Focardi – Il mondiale di ciclismo si avvicina sempre più e Firenze e la Toscana non si fanno trovare impreparate all’evento proponendo anche, al Museo Galileo (fino al 17 novembre) un’appassionante ed originale esposizione che racconta la storia della bicicletta.

Due sezioni che illustrano una storia poco nota ricca di sorprese. Nella prima sezione sono esposti antichi bicicli che fanno parte delle collezioni del Museo Galileo, solitamente conservati nei depositi.
Gravemente danneggiati durante l’alluvione di Firenze del 1966 e successivamente restaurati, sono stati donati da vari collezionisti.
L’originale raccolta spazia dalla draisina, l’antenato della bicicletta che si spingeva con i piedi, allo “scuotiossa”, il primo velocipede dotato di pedali e freni, ai bicicli dalle grandi ruote anteriori fino ai più recenti “bicyclette” e “bicicletto”.

La seconda sezione è dedicata alle cosiddette “biciclette dei mestieri”. Vere e proprie botteghe ambulanti, veicoli modificati e attrezzati con vari strumenti per lo svolgimento di diverse attività e risalenti al periodo tra i primi anni del Novecento e il secondo dopoguerra che offrono uno spaccato di vita popolare e documentano antichi mestieri, come l’arrotino, il calzolaio, il burattinaio, alcuni dei quali oggi scomparsi.
Le biciclette esposte costituiscono una selezione della collezione di Marco Paoletti.

La mostra è ideata e curata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza, in collaborazione con Comune di Firenze, Collezione Marco Paoletti, Fondazione Sistema Toscana, Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group e con la partecipazione di Biblioteca delle Oblate – Archivio Storico Comunale Firenze.

L’ingresso alla mostra è compreso nel biglietto del museo. Infohttp://mostre.museogalileo.it/biciclette

 

by Simone Focardi – The cycling worldchampionship is www semenax com getting closer and Florence and Tuscany you do find unprepared proposing event, the Galileo Museum (until 17 November) an exciting and original exhibition which tells the story of the bicycle.

 

Two sections that illustrate a little-known story full of surprises. In the first section are exposed antique bicycles that are part of the collections of the Museo Galileo, usually kept in storage.
Severely damaged during the flood in Florence in 1966 and subsequently restored, have been donated by various collectors.
The original collection ranges from the dandy horse, the ancestor of the bicycle that went with the feet, the “scuotiossa”, the first velocipede with pedals and brakes as bicycles from the large front wheels to the most recent “bicyclette” and “Biker “.

The second section is devoted to the so-called “bicycle crafts.” Real street shops, modified vehicles and equipped with various tools for carrying out different activities and dating from the early years of the twentieth century and the Second World War that offer a glimpse of everyday life and documenting ancient crafts, such as the grinder, the shoemaker, the puppeteer, some of which have now disappeared.
The bikes on display are a selection of the collection of Marco Paoletti.

The exhibition is conceived and curated by Museo Galileo – Institute and Museum of the History of Science, in collaboration with the City of Florence, Collection Marco Paoletti, Fondazione Sistema Toscana, Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group and with the participation of the Oblate Library – Historical Archive Comunale Florence.

Admission to the exhibition is included in the museum ticket. Info: http://mostre.museogalileo.it/biciclette

Altri articoli